Vedetta Mediterraneo

Comitato Scientifico


Comitato scientifico
Enrica Simonetti

Giornalista della «Gazzetta del Mezzogiorno», dove cura le pagine culturali. Ha scritto tre libri, editi da Laterza, sul mare e sui fari (Lampi e splendori, Fari d’Italia, Luci sull’Adriatico) che documentano un viaggio lungo le coste e le isole, tra le storie degli ultimi guardiani di lanterne. In quest’opera percorre il suo primo itinerario nelle campagne, tra il fascino del paesaggio e l’orrore dello sfruttamento. Per Imprimatur ha pubblicato nel 2016 ‘Morire come schiavi‘.

Perotti Simone

quali legato a una ricetta gastronomica e a considerazioni estetiche sul gusto. “Stojan Decu, l’Altro Uomo”, Bompiani 2005 (Premio Volpe d’Oro). “Vele, White Star 2008” (Premio Sanremo). “L’Estate del Disincanto”, Bompiani, 2008. Ha collaborato e collabora con riviste e giornali («Yacht & Sail», «Yacht Capital», «Dove», «Style», «Corriere della Sera»), con articoli e reportage sul viaggio, il turismo, la nautica, le regate.Ha creato il primo sito di informazione editoriale nautica italiano: www.sailbook.info. Ha fatto il manager per quasi vent’anni nel settore della comunicazione, in agenzie e aziende quotate e non, italiane e multinazionali. Poi ha detto basta, ha lasciato soldi e carriera e si è trasferito in Liguria, tra La Spezia e le Cinque Terre, per dedicarsi esclusivamente a scrittura e navigazione. Oggi fa skipper e l’istruttore di vela trascorrendo circa quattro mesi l’anno in mare. Poi pittura case, prepara aperitivi per i bar, restaura mobili, fa la guida turistica, vende le sue sculture e i suoi pesci. Fra le ultime uscite editoriali ricordiamo Uomini senza vento (Garzanti 2010), Avanti tutta. Manifesto per una nuova rivolta individuale (Chiarelettere 2011), L'equilibrio della farfalla (Garzanti 2012), Un uomo temporaneo (Frassinelli 2015), Rais (Frassinelli 2016). 

www.simoneperotti.com

https://www.ilfattoquotidiano.it/blog/sperotti/  

Fabio Fiori

Ricercatore e insegnante, si occupa da oltre venti anni di biologia ed ecologia marina, collaborando anche con quotidiani e riviste. Ha pubblicato articoli scientifici su riviste nazionali e internazionali. Ha preso parte a progetti scientifici dedicati alla pesca e all'acquacoltura. Tra i suoi libri: Un mare. Orizzonte adriatico (Diabasis, 2005), Il mare nelle mani. Viaggio tra i lavoratori dell’Adriatico (Pazzini, 2007), Abbecedario Adriatico. Natura e cultura delle due sponde (Diabasis, 2008), Anemos. I venti del Mediterraneo (Mursia, 2012), Vela libre. Ideee e storie per veleggiare in libertà (Stampa Alternativa, 2012). Thalassa. Le acque del Mediterraneo (Mursia, 2014). Alcuni suoi audiodocumentari sono stati trasmessi su RAI Radio Tre. Da diversi anni è impegnato nel progetto Mare gratis. Il mare come bene comune, a cui è dedicato il blog http://maregratis.blogspot.com/

Valentina Fortichiari

Vive e lavora a Milano, in campo editoriale. Ha praticato l'attività agonistica e successivamente è stata insegnante abilitata della Federazione Italiana Nuoto. Ha scritto anche un manuale sul nuoto: Nuotare tutti subito e bene (TEA 2007). Giornalista pubblicista, è autrice di varie monografie di carattere letterario. Ha curato in particolare l'opera di Guido Morselli e Cesare Zavattini.

Pino Aprile

Giornalista e scrittore. Per la Tv ha lavorato con Sergio Zavoli all’inchiesta a puntate Viaggio nel Sud e al settimanale del Tg1, Tv7. È autore di diversi saggi, tra cui Il trionfo dell’apparenza (2007), Elogio dell’imbecille (2010), Elogio dell’errore (2011), tutti pubblicati da Piemme. Terroni, uscito nel 2010 e diventato un vero e proprio caso editoriale, e il successivo Giù al Sud (2012), hanno fatto di Aprile il giornalista «meridionalista» più seguito in Italia. Sempre per Piemme ha pubblicato il pamphlet Mai più terroni nel 2012 e Il Sud puzza. Storia di vergogna e d'orgoglio nel 2013; nel 2016 esce Carnefici e nel 2017 collabora alla scrittura del saggio Attenti al Sud.

Donatella Bianchi

Giornalista e ideatrice e conduttrice dal 1999 di Linea blu su Rai 1. In precedenza è stata inviata speciale su Rai 2 con il programma Sereno Variabile con reportage e dirette dalle Azzorre, Yemen, Egitto, Israele, Tunisia, Canada e realizzando numerose interviste esclusive. Ha collaborato con la Testata Giornalistica Regionale fino al 1994 come conduttrice del Tg Lazio e della rubrica Tgr Italia Agricoltura, in onda su Rai 3 il sabato mattina, uno programma realizzato per conto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali contenente notizie sul mondo agricolo italiano. Ha collaborato con il Secolo XIX e con numerose riviste specializzate come Gente Viaggi e Archeo. Nel 2009 ha pubblicato il suo primo libro "Storie dal Mare" Aliberti Editore e dal 2014 è Presidente del WWF Italia.

Fabio Pozzo

Giornalista de La Stampa. Esperto di mare e storia della navigazione, ha scritto Assolvete l'Andrea Doria, un'inchiesta sull'affondamento del transatlantico italiano nel 1956.

Nicolò Carnimeo

Presidente dell’Associazione Vedetta sul Mediterraneo. Docente di diritto della navigazione e dei trasporti all’università di Bari “Aldo Moro”, giornalista, autore di libri tra i quali “Com’è profondo il mare” ed. Chiarelettere e “Nei mari dei pirati” ed. Longanesi e “Montenegro, viaggio senza tempo” ed. Giorgio Mondadori. Collabora con "Limes", "La Stampa", "il Fatto Quotidiano", "La Gazzetta del Mezzogiorno" e la trasmissione LINEA BLU (Rai 1).  Scrive anche sul web sul blog de Il fatto quotidiano https://www.ilfattoquotidiano.it/blog/ncarnimeo/

Rosalba Giugni

Napoletana di nascita ma romana d’adozione, sposata con tre figli e nonna di due nipoti, Rosalba Giugni ha dedicato la sua vita al volontariato, prima come crocerossina, poi fondando l’associazione ambientalista Marevivo, di cui è il solido timone da quasi trent’anni.

Appassionata ed esperta subacquea è riuscita così ad “organizzare una passione” - oggi l’Associazione conta più di 30 mila soci e svolge attività a carattere sociale e scientifico - mobilitando l’opinione pubblica sui grandi temi del rispetto e della tutela del mare.

Considerata uno degli esperti più autorevoli del settore, nel corso di questi anni ha sviluppato con successo tutti gli aspetti collegati con l’ambiente marino aventi carattere economico-industriale, quali la pesca, il demanio marittimo, il turismo, la nautica commerciale e da diporto, etc., approfondendone le problematiche, presentando disegni di legge e regolamenti necessari alla loro disciplina (controllo delle spadare, protezione della Posidonia, etc.).

A tale scopo ha promosso e sostenuto le campagne scientifiche: Campagna Oceanografica nel Mediterraneo, con la collaborazione delle più prestigiose Università Italiane, Campagne di divulgazione scientifica con le navi-scuola Amerigo Vespucci e Palinuro della Marina Militare sui temi della Posidonia, dell’Agenda 21-Aree protette, presiedendo numerosi seminari nei più importanti scali del Mediterraneo sulla base dei quali ha basato la scelta e gli indirizzi dell’Associazione.